Fondazione Veronesi

Donazione

6.000

La Fondazione Umberto Veronesi si è impegnata sin dalla sua nascita nel 2003 per il benessere della collettività finanziando la ricerca scientifica, alleata indispensabile per migliorare la vita delle persone, nella sua forma più concreta: quella che passa direttamente dal laboratorio al letto dei pazienti.
Nel 2017 sostiene 4 progetti di ricerca a 194 ricercatori.
Fra questi c'è il dottor Roberto Cuttano che lavora presso l'IRCSS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (FG), dove sviluppa un progetto di ricerca sul tumore al polmone.
Il tumore al polmone è quello più diffuso al mondo, con 2 milioni di nuove diagnosi ogni anno. In particolare in Italia è responsabile del 19% di tutte le morti per tumore: è la prima causa di morte per malattia oncologica negli uomini e la terza nelle donne. 
Circa l'85 - 90% dei tumori al polmone sono causati dal fumo: tuttavia, talvolta vengono colpiti anche i non fumatori. In Italia ad esempio, i non fumatori a cui è diagnosticato il tumore al polmone sono oltre 4.000 ogni anno. Nonostante i pregressi compiuti dalla ricerca scientifica per la diagnosi e il trattamento, il tumore al polmone resta ancora uno dei più diffusi da curare; la probabilità di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è infatti solo del 14%. Ecco perchè bisogna continuare a sostenere la ricerca scientifica in questo campo per identificare strategie di diagnosi e cura davvero efficaci.
E' quello che sta facendo Roberto Cuttano: la sua ricerca si focalizza sul tumore al polmone non a piccole cellule, che rappresenta la principale causa di morte per tumore a quest'organo. Un terzo dei pazienti alla diagnosi, infatti, presenta già metastasi ai linfonodi circostanti, e molti risultano resistenti alla chemioterapia di prima linea. Il Dottor Cuttano sta studiando piccole molecole alterate nei tumori resistenti chiamati microRNA; comprenderne le alterazioni patologiche è requisito essenziale per sviluppare test di predizione della risposta alla chemioterapia e per mettere a punto nuove terapie più mirate ed efficaci. 

Il tuo contributo è prezioso: aiuterà concretamente la ricerca scientifica a migliorare la strategia di cura per il tumore più diffuso e pericoloso. 

Cod. 17259